* Te sto a 'mbrutti' : la tua antipatia mi irrita notevolmente

* Mo te parto de capoccia (teschio) : mi hai fatto proprio irritare

* Te do 'na papagna 'n faccia : stai attento che sto per darti un cazzotto

* Te sporvero (sparecchio) la faccia : ti prendo a ceffoni sul viso

* T'appoggio (parcheggio) 'na mano in faccia : vedi sopra

* Te mischio come un mazzo de carte - Te ribarto come 'na cotoletta : v.s.

* Te rivorto come 'n carzino ('na carza) - Te apro come 'na cozza : v.s.

* Te apro come 'na sdraio - Te chiudo come 'na Graziella : rivedi sopra

* Me t'apro come 'n divano letto ('na cozza ; 'na tellina) : rivedi sopra

* Te apro come 'n fiasco de vino (‘na damigiana) : rivedi sopra

* Te gonfio come 'na zampogna - Te Succhio come 'n gamberetto : v.s.

* Te ciancico e poi te sputo : rivedi sopra

* Te strappo le gambe e te ce pijo a carci : rivedi sopra

* Apparecchia er culo che la ciccia e' pronta : rivedi sopra

* T'addobbo come 'n arbero de Natale - Te do 'na zaccagnata : rivedi sopra

* Te do 'na pizza che t'arestano pe' vagabondaggio : rivedi sopra

* Sta a parti' 'na pizza dar binario 5 - Manzo, che te cinquino er teschio: v.s.

* Te 'nfilo 'na mano 'n culo, te sfilo la spina dorzale e te ce frusto : v.s.

* Te faccio 'n buco 'n testa e me te bevo come 'n'ovetto fresco : v.s.

* Te pijo pe' li buchi der naso e t'aribbarto come li porpi : mi hai fatto perdere la pazienza a tal punto da spingermi a sottoporti allo stesso trattamento che subiscono i polipi (gli si rovescia la testa per ucciderli)

* Te pejo p…lle recchie e te scarto come 'na caramella (Golia) : il tuo atteggiamento mi ha irritato, per cui credo operero’ un movimento rototraslatorio sulle tue estremita’ auricolari

* Te stacco le recchie e ce faccio le frappe : ti prendo a ceffoni

* Te metto 'n dito 'n bocca, uno ar culo e te sciaqquo come 'na dammiggiana : vedi sopra

* Te do' 'na cricca 'n faccia : rivedi sopra

* Te giro come 'na trottola che quanno te fermi i vestiti so' passati de moda : tramite un'abrasione maxillofacciale ti procuro un movimento rotatorio durevole nel tempo

* Te faccio du' occhi neri che se te metti a mastica' er bambu' er WWF te protegge : ti sto per fare due vistosi ematomi sugli occhi

* Te do' 'n carcio ar culo che se per aria nun te porti da magna' te mori de fame : la potenza del mio piede e’ direttamente proporzionale
all'irritazione dovuta alla tua presenza

* Te strappo 'n braccio e te lo metto pe' ccravatta : se continuerai a non star fermo con le mani le conseguenze saranno terribili

* Me te metto 'n tasca e te meno quanno cio' tempo : indica disprezzo per la consistenza fisica dell'avversario

* Te do' 'na cricca sur petto che te faccio veni' 'a nicchietta per contatore der Gas : ti faccio cos¤ male da lasciarti il ricordo

* Te faccio 'n culo come 'n casale ('n cesto) : ti faccio un sedere grande come...(espressione indicante l'entita’ delle violenze a cui verra’ sottoposto il maltrattato)

* T'arivorto come 'm pedalino : ti rigiro come un calzino

* Te sfragno er grugno : ti spacco la faccia

* Te pjo a cappellate (pisellate) su'e gengive : ti prendo a ceffoni

* C'hai li campanelli ar culo : ti trovero’ ovunque andrai seguendo il tuo tintinnio (minaccia)

* Te do' 'n culo e foco ai capelli : ti sodomizzero’ incendiandoti le chiome per procurarti un dolore insopportabile

* Sona panza de tu' madre gravida, coll'ossa de li' mejo mortacci tua : pesante insulto finalizzato al coinvolgimento del maggior numero possibile di parenti vivi, morti e nascituri

* T'areggi, t'atteggi ma sur cazzo mio nun ce scureggi : "non darti troppe arie che con me non attacca"

* Buttajelo er culo : incitamento ad aggredire qualcuno ovvero a superarlo in una competizione

* Te potessi risveja' freddo : spero fortemente che tu possa morire

* Te do 'n cazzotto che te fa' gira' la testa cosi' dopo i brufoli te li strizzi co'n corpo de tacco : se non te ne vai potrei non rispondere piu’ delle mie azioni

* Te do' 'na cazzata (mazzata) su'la spalla che te faccio fa' la via crucise : pagherai lo sgarbo che mi hai fatto con pene pari a quelle di Cristo sul Calvario

* L'anima de li mortacci tua e de chi nun te lo dice co' 'na mano arzata ('n dito ar culo ; sartellando) : brutale forma di rimprovero

* Fatte la mappa de li' denti, che mo' te mischio : ti prendo a ceffoni

* Te caccio tre diti 'n culo e te scaravento su li' birilli come 'na palla de buling: se non la smetti di importunarmi saro’ costretto a prendere provvedimenti poco puliti

* Si' te pijo te sdrumo : se hai a cuore la tua salute, evita di passarmi accanto

* Ve famo (v'avemo fatto) li bozzi : la nostra superiorita’ e’ (stata) notevole

* Te strappo le budella e te ce 'mpicco : provo il desiderio di arrecarti del non meglio specificato dolore fisico

* Ridi su 'sto cazzo (‘sta ceppa ; 'sta nerchia) : risposta retorica da rivolgersi ad una persona intenta a manifestare gioia per un evento considerato poco piacevole dal diretto interessato

* Te stacco le braccia e te ce meno : provo un incontenibile desiderio di picchiarti

* Te stacco 'a carotide e ta 'a metto 'n mano : ulteriore forma di incivile minaccia

* Te do 'n carcio ar culo che te ce lascio dentro 'a scarpa : il mio piede sta per raggiungere violentemente le tue natiche

* Si' te pijo te smonto come 'na radiolina : potrei procurarti delle gravi lesioni ossee femorali

* Te do li schiaffi a due a due finche’ nun diventeno dispari : ti faccio male all'infinito

* Te do' 'no schiaffo che 'r muro te ne da' 'n'altro : percuotero’ il tuo viso con una tale forza che riceverai una spinta uguale e contraria dal muro accanto a te

* Te do 'na pizza 'n faccia che quanno ricaschi li vestiti tua so' passati de moda: verrai percosso violentemente sul volto in modo talmente inurbano da farti aleggiare in aria

* Te manno a 'ffanculo coll'elastico, cosi' quanno aritorni te c'arimanno 'n'artra vorta: doppio, simpatico invito a darsi a gambe levate

* Te do 'na pizza che te chiude come 'n passeggino Chicco : ti prendo a ceffoni

* Te do 'n'aperta che t'arisveji a Capodanno coi botti : verrai percosso cosi’ tanto che solo i fuochi d'artificio ti risveglieranno

* Si' te metto le mano addosso te riduco come er puzzle delle merendine : ti consiglio di starmi alla larga

* Te do 'na pizza che t'arotolo come 'na girella Motta: sto per darti un ceffone che ti faro’ girare ripetutamente attorno al tuo asse

* Si' te metto le mano addosso, pe' riconoscete te devono da pija' le impronte digitali: dopo che ti avro’ percosso ripetutamente e pesantemente, i tuoi connotati saranno fortemente confusi

* Me te 'nculo a passo de cammello (cane) : ti faro’ davvero del male

* Te pijo pe 'na rekkia e te sventolo come 'na bandierina : ti faccio molto male

* Me fai 'n pippone ('na pippa) a quattro mani : non ho nessun timore di te

* Fatte 'na padellata (cartocciata) de cazzi tua : non immischiarti in faccende che non ti riguardano

* Se li stronzi volavano tu madre te dava da magna' co' la mazzafionna : non sei il massimo della simpatia

* C'hai piu' complessi der concerto der primo Maggio: dicesi di persona che si fa molti problemi inutili

* Mica t'ho detto cotica: non mi e’ parso di averti offeso in modo tale da provocare una simile reazione

* Te spano er culo: desidero farti del male

* Te stacco le gengive a mozzichi : mi hai fatto adirare a tal punto che utilizzero’ su di te un colpo particolare che non deve essere assolutamente confuso con un bacio appassionato

* Te stacco le palle e ce gioco a stecca : ennesima fantasiosa minaccia di atroce dolore fisico

* Te faccio 'n culo come 'na casa (capanna ; diriggibbile ; mongorfiera : le mie percosse ti faranno soffrire alquanto

* E' ativato Fra-cacchio (cazzo) da Velletri : dicesi di persona sbruffona

* Te do tante de quelle botte (sveje) che tu madre nun te riconosce piu' manco da la puzza dei piedi : ti picchio a tal punto da renderti irriconoscibile

* Te do 'na pizza che pe staccatte dar muro tocca chiama' Mazinga : sto per danneggiare definitivamente il tuo fisico

* Se nun te sbrighi ann'attene t'accartoccio come 'n fojo de carta velina : potrei seriamente ledere la tua integrita’ fisica senza sforzarmi troppo

* Te gonfio e poi te scoppio : minaccia di violenza fisica addolcita da una deflagrazione simile a quella di un palloncino

* Te faccio du' occhi a palla che si' vai allo stadio te tocca guarda' 'a partita coll'occhi chiusi sinno' te pijano a carci 'n faccia : ho intenzione di provocarti un trauma ai bulbi oculari

* Sto cosi' 'ncazzata che li globbuli rossi me stanno a evapora' : mi ribolle il sangue per l'arrabbiatura

* Te ficco du' diti ner culo, te apro come 'na bolletta der Gas e me te leggo l'intestino : tramite la sodomia, voglio risvegliare l'aruspice (indovino che legge il futuro nei visceri degli animali sacrificati) che e’ in me

* Te ficco 'no yo-yo ar culo e poi te carcio in aria come 'n'aquilone : voglio tenerti sotto controllo

* Te do 'na pizza che pe staccamme la mano dalla tua faccia dovemo chiama' er falegname : non costringermi a passare alle vie di fatto

* Te cricco la spina dorsale che pe sta' dritto te devi fa 'n cristere de cemento : ho intenzione di renderti inoffensivo

* Te metto 'na mano ar culo e te porto a spasso come 'n cremino : voglio dimostrare a tutti la mia superiorita’ nei tuoi confronti

* Sona 'n mezzo alla cosce de tu' moje che ce sta piu' traffico : smettila di suonare il clacson della tua automobile

* Lazziale : il peggior insulto concepibile nella Metropoli Periferica

* Devi solo che abbozza' : ╦ impensabile che tu possa reagire ai miei soprusi

* M'hai fatto scenne tarmente tanto li cojoni che potrei faje fa er giro der collo e usalli come sciarpa : la tua presenza mi ha sfinito

* 'N te sputo, che t'amprofumo : del tuo dir poco mi cale

* Te do 'n carcio ar culo che pe' ridamme la scarpa te devi pija' 'na purga : non insistere ad infastidirmi perche’ potrei diventare violento

* T'appoggio 'na mano sulle chiappe, te 'nfilo er dito medio ar culo e te tiro come 'na palla da buling : ti do una leggera spintarella sul tergo in modo da farti finire supino

* M'hai scucito la fodera der cazzo : mi hai palesemente seccato

* Cacate 'n mano e datte 'no schiaffo : prima che io ti metta le mani addosso ti esorto a farlo da solo

* Si' te pijo t'arovino (te corco) : se riesco ad acciuffarti sar┌ costretto ad usare maniere poco gentili

* Te do 'na pizza 'n faccia che nun te restaura manco Michelangelo : ti sto’ per sfregiare il volto irrimediabilmente

* Si' te sgrullo te faccio casca' tutti li tatuaggi : le mie mani si stanno orientando verso di te per provocarti un dolore incommensurabile

* Te stacco li diti e ce gioco a Shangaye: mi hai fatto arrabbiare

* Sei popo da 'a lazzio : cos'altro ci si potrebbe aspettare da una persona con interessi sportivi come i tuoi?

* Te do 'n carcio sulle palle che te ne manno una pe' saccoccia : minaccia fatta da un (non necessariamente) appassionato di biliardo

* Te stacco 'na tibbia e ce sono er flauto : esplicita intenzione di testare l'armonicita’ di alcune parti dell'esoscheletro

* Si' te poggio 'na palla sulla mano te faccio veni' l'ernia : non importunarmi oltremisura

* Te do 'n carcio ar culo che te faccio ariva' le chiappe selle spalle : la mia pazienza e’ giunta allo stremo

* Te pijo pe' le recchie e te sgrullo com 'n termometro : smettila di importunarmi perche’ oggi sono adirato