* Sei così magra che se scureggi decolli

* Sei talmente magra che se te metti vicina a n'auto te scambiano pe l'antenna de la radio

* Menomale che c'hai la pelle se no saresti sparso

* Sei brutto de natura o usi na crema

* C'hai na nasca che tu madre quand'eri piccolo doveva pija la machina pe venitte a mbocca

* C'hai na nasca che si te sdrai piji teletokio

* C'hai na nasca talmente grossa che se eri pecora te morivi de fame

* C'hai na nasca tarmente grossa che nun te se chiude la carta d'identità.

* Sei così grassa che dovunque guardo stai già là.

* Sei così brutta che se tiri n'bumerang ce pensa du vorte prima de torna n'dietro

* Ao , ma che è bisestile sto semafero

* Quella è la tu regazza o te c'hanno vomitato accanto

* Se li sronzi volavano tu madre te dava da magna co la mazzafionna

* C'hai tarmente tanta barba n'faccia che se te magni na banana pari n'firm porno

* Se te fai li tatuaggi su le recchie da lontano pari n'farfallone

* Tu madre dopo che sei nato s'è pulita co' a carta igenica

* Te dò n'carcio ar culo che pe' ridamme a scarpa te devi pija na purga

* C'hai 'n pisello così piccolo che pare che c'hai tre palle

* C'hai 'na fiatella che te se vedono le parole uscì de bocca

* Si te metti 'n cappello verde te scambiano pe' ncassonetto

* Certo che sitte fanno 'n'ignezione de ceramica pari popo 'ncesso

* Robba che da piccolo eri così brutto che tu madre anziché spigne 'a carrozzina la tirava pe' nun vedette

* E' simpatico come 'n dito ar culo

* Ma che te sta a scureggià er teschio?

* C'hai na nasca che sur tram ce se tiene la gente

* C'hai na nasca tarmente grossa che se dici de si a tavola affetti er pane

* C'hai na nasca che se giochi a carcio stai sempre 'n fori gioco

* Ammazzate che nasca... che Dio te l'accresca così ce annamo a pesca

* C'hai 'na capoccia tarmente grossa che si' te vede Mazinga ce 'nfila dentro l'astronave

* C'hai li peli der culo tarmente lunghi che ogni vorta che scureggi è na frustata

* A te 'a residenza nun te la danno perchè c'hai 'n culo fori dar comune

* C'ho 'a machina tarmente truccata che a devo lavà cor latte detergente

* Vali come er due de coppe quanno regna a bastoni

* Sto così 'ncazzato che li globuli rossi me stanno a evaporà

* Si' te metto le mano addosso, pe' riconoscete te devono pija' le impronte digitali

* Te pijo pe 'na rekkia e te sventolo come 'na bandierina

* Te do tante de quelle sveje che tu madre nun te riconoscne più manco da la puzza dei piedi

* Te do 'na pizza che pe' staccamme la mano dalla tua faccia dovemo chiama' er falegname

* Lampeggia tra le coscie de tu madre che 'n'amico mio c'ha perso 'na panda

* L'urtimo che m'ha detto 'na cosa der genere mo' vede li fiori dalla parte dee radici

* C'hai più corna de 'n secchio de lumache

* E' uscito fori mejo pinocchio co' 'na sega che te co' 'na scopata

* Ho fatto 'no stronzo tarmente granne che ho dovuto mette er fiocco rosa davanti a la porta

* C'ho 'n regazzino 'n corpo che quanno lo caco me tocca adottallo

* Nun te ripiji manco co' la cinepresa

* E' cosi' vecchia che dalle zinne gl'esce er latte 'n porvere

* C'hai 'r culo cosi' grosso che se te siedi sur marciapiede te ce parcheggieno 'na bbici

* C'hai le cosce piene de cellulite o te sei fatta li carzoni de coccodrillo?

* Sei cosi' magro che er pigiama tuo c'ha 'na strisci sola

* C'hai 'na nasca tarmente grossa che se sullu 100 lire ce mettevano la tu' faccia venivano cor manico

* Sei cosi' brutta che er sangue me s'aresta

* Sei cosi' brutto che si' te casca a' morte addosso fai scopa

* Te do un cazzotto in petto che te metto li pormoni a tracolla

* Co no schiaffo te rigiro la capoccia cosi vedi quanno te pio a carci 'n culo

* Co no schiaffo te manno pe aria che quanno torni giu sei morto de fame

* Io so meticcio e dei cazzi dell'altri nun me 'mpiccio