1. Eravamo culo e camicia; poi litigammo per chi faceva il culo.

2. Un tizio cerca un cavallo a poco prezzo. Va da un venditore e gli

dice: "Ne avrei uno, ma ha un difetto: per farlo galoppare bisogna

dire CULO e per farlo fermare bisogna dire MERDA !". Il prezzo e'

buono e cosi' il tizio compra il cavallo. Una volta arrivato fuori

citta'  vuole lanciarlo a tutta velocita': "CULO CULO CULO CULO ..."

Il cavallo galoppa sempre piu' veloce " CULO CULO CULO ..." ancora

piu' veloce ! A un certo punto il tizio si accorge che sta

avvicinandosi a un burrone e vuole fermarsi. "Ach ! Com'e' che dovevo

dire ? CAZZO...". Niente, il cavallo continua. "CACCA, FIGA, TETTE...

" ma il cavallo continua. Vedendo avvicinarsi il burrone il tizio

esclama:" AHHH... che MERDA !". E udita la parola il cavallo si ferma

di colpo proprio sul bordo del precipizio. Il tizio guarda di sotto e

con un sospiro di sollievo dice: "Ah... che CULO !".

3. Non e' vero che mi do delle arie: solo quando scoreggio.

4. Un tizio si presenta da un impresario e gli propone il suo numero

speciale: "Posso cantare l'inno d'Italia con il culo: sono petomane".

L'impresario gli chiede di fargli vedere". Il tizio si abbassa i

pantaloni, si sforza, ma non viene niente. Insiste, ma ancora niente.

Poi all'improvviso PRRRRRT e ricopre l'ufficio dell' impresario di una

bella chiazza immonda! "Brutto porco ..." urla l'impresario. E il

tizio: "E insomma non si puo' neppure schiarirsi la gola...".

5. Ehi ragazzi l'avete sentita l'ultima? - No! - Per forza l'ho fatta

piano!

6. Cosa fa un carabiniere con un dito per il culo? Cerca di arrestare

lo stronzo!

7. Ma il Gran C'ha mbell'ano sa di averlo cosi' bello?

8. A Bellaria sono proibiti i fagioli ?

9. Papa' e figlio sono in giro in auto. Ad un semaforo attraversa la

strada una biondona con una super minigonna. Il padre esclama: "Che

culo! ". "Come hai detto, papa' ? ". Il padre pensando che il figlio

dica tutto alla madre prova a imbrogliarlo: "Ehmm... ho detto Gufo! ".

"Gufo? e cos'e' un gufo?". Il papa', contento di avere salvato la

faccia e orgoglioso di potere spiegare qualcosa al pargolo, inizia a

spiegare: "Il gufo e' un uccello, ha le ali, il becco e vola!". Passa

un minuto e il figlio chiede: "Papa', ma i gufi hanno figli?". "Certo!

Si chiamano gufini, hanno le aline, i becchini e volano!". Passa un

minuto e il figlio chiede ancora: "Papa', ma i gufini hanno figli?".

"Certo! Si chiamano gufetti, hanno le alette, i becchetti e volano!".

Passa un minuto  e il figlio torna a chiedere: "Papa', ma i gufetti

hanno figli?". "Certo! Si chiamano gufettini, hanno le alettine, i

becchettini e volano!". Passa un altro minuto e il figlio: "Papa',

ma... ". E il padre, esasperato: "CULO! Ho detto CULO!".

10. Se il culo avesse due buchi sarebbe una presa ... per il culo!

11. "Mi stai prendendo per il culo" come disse la bottiglia di

Champagne.

12. Quella ragazza aveva un culo cosi' bello  che meritava di stare

davanti.

13. E' meglio avere un culo gelato che un gelato nel culo (Mao).

14. "Dottore, ho un problema, faccio scoregge che non puzzano".

"Faccia sentire". Il paziente scoreggia e il dottore: "La cosa e'

grave, bisogna operare". "Al sedere?". "No, al naso!".

15. Una signora dal dottore: "Dottore, non ci sento piu' bene; ad

esempio non sento piu' le scoregge". "Ecco la ricetta". "E con questa

sentiro' meglio?". E il dottore: "No, ma scoreggerete piu' forte!".

16. Qual e' l'ultima cosa che passa per la testa di un moscerino che

si spiaccica su un vetro a 120 all'ora? Il suo buco del culo.

17. Se la merda valesse i poveri non avrebbero il culo.

18. Due ciccioni, cercando di uscire contemporaneamente

dall'ascensore, si incastrano nella porta. Il primo fa al secondo:

"Ruoti, faccia da perno". Ed il secondo, stizzito, risponde: "Ruoti

lei, faccia da culo!".

19. Che differenza c'e' fra un oste e uno stronzo? L'oste mesce il

vino, mentre lo stronzo m'esce dal culo.

20. Un aereo militare e' in volo per un lancio di para'. Salta il

primo e il paracadute si apre, salta il secondo e il paracadute si

apre, salta il terzo e... si e' dimenticato il paracadute! Allora il

sergente di turno chiama il miglior paracadutista della squadra, gli

mette in mano una ricetrasmittente, dopodiche' gli dice di buttarsi e

raggiungere ed agguantare lo sfortunato compagno (il tutto ovviamente

in poche frazioni di secondo). Questo salta, si avvicina in picchiata

al compagno, quindi domanda al sergente:  "Come faccio ad aiutarlo?".

E il sergente: "Prendilo per la giacca!". Il soldato esegue, ma la

giacca si sfila. E il sergente: "Prendilo per i pantaloni!". Stessa

sorte della giacca. "Prendilo per le mutande!". Il paracadutista

agguanta i boxer dell'amico, che pero' si strappano. "E' rimasto

completamente nudo! Come faccio adesso?". E il sergente: "Prendilo...

prendilo... PRENDILO PER IL CULO!". E il paracadutista rivolto

all'amico: "Io ho il paracaduteeee... e tu noooo...".

21. Una donna si reca in un negozio di articoli sportivi per comprare

una canna da pesca da regalare al marito per il suo compleanno. Nel

negozio dietro la cassa l’unico impiegato e’ un tizio con gli occhiali

scuri e un cane che le chiede: "Posso aiutarla?". "Certo, vorrei una

canna da pesca, mi  puo’ parlare di questa? ". Il venditore le dice:

"Sono spiacente, signora, ma sono cieco e non posso vedere la canna a

cui lei si riferisce. Tuttavia se la prende e me la porta qui io sono

in grado di descrivergliela in base al rumore che fa". La signora

prende la canna e la porta alla cassa dal rivenditore cieco. Questi la

agita e dice: "Questa e’ una Zebco 250, in fibra di vetro, da  6

pollici, a media gittata. Costa 15 dollari". La signora dice:

"Eccezionale!" e prende un’altra canna. Il rivenditore la agita e

dice: "Questa e’ una  Orion 35C, di grafite, da 6 pollici, a lunga

gittata, da usare con una attrezzatura ultra-leggera. Costa 20

dollari". Notevolmente colpita la signora decide di comprare la

seconda canna. Nel mentre la signora si lascia sfuggire un gran peto

rumoroso e puzzolente, ma pensa di non scusarsi con l’uomo dato che e’

cieco e che non ha idea di chi lei sia. Il venditore alla cassa dice:

"Allora, fanno 25 dollari". E la signora: "Ma come? 25 dollari? Lei

aveva detto 20 dollari! ". "Certo, signora, 20 dollari per la canna, 3

dollari per il richiamo dell’anitra e 2 dollari per l’esca a base di

vermi".

22. Pierino: "Mamma, le scoregge pesano?". "No". "Allora mi sono

cagato addosso!"

23. La maestra: "Com'e' composta l'aria ?". Pierino: "Di idrogeno,

ossigeno, elio, azoto e di un gas che al momento mi sfugge .....

PRRRRRRRRR".

24. Perche' i Somali camminano con un dito nel culo ?  Perche' non

cicatrizzi!

25. Perche' le scoregge puzzano? Per i sordi.

26. Sapete che cos'e' la scoreggia? L'ultimo respiro di un fagiolo

prima di volare in cielo! E sapete che cos'e' un rutto?  Una scoreggia

salita in ascensore!

27. Ad un tizio, mentre e' in autostrada, scappa una gran cagata, non

ce la fa veramente piu'. Si ferma al primo autogrill, vede i bagni, ma

c'e' scritto che ci vogliono 1.000 lire. Eh, figurati dice lui, ci

mancherebbe che paghi per andare in bagno, andro' al prossimo. Arriva

a quello dopo, quasi non si trattiene, ma vede scritto: 5.000 lire per

usare il bagno. Ci mancherebbe, provero' al prossimo, dice,

sicuramente costera' di meno. Corre a quello dopo, e sono 10.000 lire,

a quello seguente 20.000 lire, ancora dopo 40.000 lire, finche' arriva

in uno in cui c'e' scritto 1.000.000 lire. Ma ormai se la sta facendo

addosso, cosi' paga ed entra. Passano 10, 20, 30 minuti, un ora, due

ore, cosi' l'addetto si preoccupa, bussa, nessuno risponde, allora

dopo un po' decide di sfondare la porta. Entra e trova il tizio

impiccato, con un cartello appeso al collo: "Era solo una scoreggia!".

28. Sfiga: se hai culo la sfiga e' li' che te lo guarda.

29. Qual e' stato il punto piu' nero del Medio Evo? Il buco del culo

di Ludovico il Moro.

30. La vita e' una questione di culo: o ce l'hai o te lo fanno!

31. Un contadino piuttosto ignorante va dal medico che gli prescrive

delle supposte dicendogli di metterne una nell'ano tutte le sere.

Tornato a casa, riferisce alla moglie, ma ne’ l’uno ne’ l’altra

comprendono come si somministrano le supposte. Pertanto la moglie

intima al marito di ritornare dal dottore per farsi spiegare. Il

contadino dapprima si oppone, adducendo a motivo il fatto che il

dottore si arrabbiera` di certo ma, pressato dalla consorte, alla fine

accetta e torna dal dottore. Per tre volte di seguito il dottore parla

di ano, poi di retto e infine di sfintere. Alla fine il medico,

capendo finalmente di trovarsi di fronte ad una persona poco

acculturata, si decide finalmente ad usare un linguaggio un po' piu’

semplice: gli dice di mettersene una tutte le sere NEL CULO! Il

contadino torna dalla moglie e fa: "Te l'avevo detto che s'incazzava

!".

32. Tre uomini sono catturati nella jungla dai cannibali. Il re dei

cannibali dice ai prigionieri che possono salvare la vita solo se

superano una prova: devono andare nella jungla e recuperare 10 frutti

dello stesso genere. Cosi' tutti e tre prendono vie separate alla

ricerca dei frutti. Quando il primo ritorna dice al re: "Ho portato 10

mele". Il re allora gli spiega la prova: "Devi spingere tali frutti su

per il sedere senza cambiare espressione sul viso o sarai mangiato".

La prima mela va su, ma la seconda provoca una smorfia di dolore e

cosi' il tizio viene mangiato. Poco dopo arriva il secondo e mostra al

re i suoi 10 frutti, delle bacche. Quando il re gli spiega la prova

pensa di farcela e comincia: 1... 2... 3... 4... 5... 6... 7... 8...

Alla nona bacca pero' scoppia a ridere, quindi viene ucciso. I due si

incontrano in cielo. Il primo domanda: "Perche' hai riso, giusto

quando ce l'avevi quasi fatta?". E il secondo: "Non ho potuto

resistere quando ho visto il terzo che arrivava con delle angurie...".

33. L'insalata russa, il fagiolo scoreggia.

34. Una supposta ad un'altra supposta: "Vaffanculo". E l'altra:

"Perche' tu dove credi di andare a finire?!"

35. Niente disperazioni: non tutto e' nero come il buco del culo di un

carbonaio.

36. Un giorno tutti gli  organi del corpo umano si riunirono per

decidere chi di tanti dovesse essere il capo. Si presento' per primo

il cervello dicendo di essere l'organo principale poiche' senza di lui

il corpo non puo' ragionare e non si puo' muovere. Poi le gambe

dicendo che loro facevano muovere il corpo, poi il buco del culo, ma

tutti si misero a ridere; offeso non fece piu' lo stronzo. Il corpo ne

risenti' ben presto e cosi' divento' lui il capo. MORALE : Per

comandare non bisogna fare qualcosa di importante, basta saper fare lo

'stronzo'!

37. "Arrestato il petomane misterioso!  E' stato colto in fragrante!".

38. Che differenza c'e' tra il culo e la faccia di Prodi? Il culo

scoreggia, la faccia di Prodi SCORAGGIA!

39. PETARDO: uomo che spara scoregge.

40. Colmo per uno che ha molta fiducia in se': cercare di lanciare una

scoreggia mentre si ha la diarrea.

41. Il culo e' la sola cosa al mondo ben divisa.

42. Che cos'e' il metano? 1/2 CuLo.

43. In amore ci vuole fortuna, ma anche un  bel culo non guasta.

44. Il culo, quando e' sistematico, si chiama classe (Nereo Rocco).

45. Un tizio fa impazzire la moglie per le continue scoregge che tira,

quasi per farle dispetto: "Maria, senti qui: <PRRRAAAACK!!>. E cosi'

di continuo tutti i giorni. Un giorno la moglie, stufa, si inventa

qualcosa per calmarlo: "Guarda che se continui cosi', ti uscira'

l'intestino dal culo!". Ma il marito ribatte: "Ma non dire stronzate e

<PPPRRROOOTTT!!>. Una mattina, mentre il marito dorme, la moglie esce

e va dal macellaio a comprare un intestino di un coniglio. Tornata a

casa, glielo mette sotto le coperte mentre sta ancora dormendo e va

nell'altra stanza in attesa della reazione. Il marito si sveglia e

come al solito comincia a scoreggiare: "Maria senti qui:

<PRRROOOTTT>". Silenzio. "AAAHHH!!". Maria corre nella stanza del

marito, contenta della riuscita dello scherzo, gridando "Cos'e'

successo?". "Avevi ragione, mi e' uscito l'intestino dal culo!" e giu'

a piangere. La moglie cerca di calmarlo: "Ma dai, non ti

preoccupare... ma ti ha fatto male?". "No, ad uscire no, ma a

RIMETTERLO DENTRO SIII!!".

46. Un tizio muore e va all'inferno. Giunto al cospetto del diavolo

dice: "Diavolo, ti propongo una scommessa: se vinco mi rimandi su per

una decina d'anni". Il diavolo accetta e l'omino tira una scoreggia

dicendo: "Rincorrila!". Il diavolo e' colto di sorpresa e il nostro

amico ritorna sulla terra per dieci anni. Durante questo periodo il

diavolo si allena, e 10 anni dopo, pronto nuovamente alla scommessa,

si trovare il tizio che gli ripropone un'altra scommessa. Il diavolo

accetta; l'omino scoreggia e grida: "Pitturala!!". E' proprio il caso

di dire che il diavolo rimane di merda ed e' costretto a pagare di

nuovo la scommessa. Passano altri 10 anni nei quali il diavolo si

allena nel rincorrere e pitturare le scoregge. Dieci anni dopo il

nostro amico si presenta al diavolo, sicuro di non essere piu'

fregato, con una tavoletta di legno nella quale sono stati praticati

tre fori. Si rinnova la scommessa: la posta in palio questa volta e'

pero' l'ascesa al Paradiso. L'omino si mette la tavola sotto il sedere

e tira una scoreggia, con il diavolo che aveva gia' in mano i

pennelli. "Da che buco e' uscita ?". Il diavolo non crede alla

semplicita' della domanda e, dopo aver annusato la tavoletta,

sentenzia trionfalmente: "Da quello di destra !!". E l'omino: "No,

coglione, dal mio buco del culo !!!".

47. Una coppia va a cena in un nuovo ristorante cinese, consumano la

cena ma a un certo punto l' uomo viene colpito da dolori intestinali,

si scusa con la donna e si reca al bagno. Arrivato davanti alla

toilette deve attendere un quarto d'ora perche' trova occupato, quindi

finalmente entra, si siede e da' libero sfogo ad una violenta diarrea.

Una volta finito si accorge che non c'e' la carta igienica e nota un

cartello con un buco sopra lo stesso che dice: 'Pulilsi con un dito e

mettele dito dentlo buco'. L'uomo pensa: "Vedi la potenza

tecnologica... sicuramente dentro al buco ci sara' un macchinario che

provvedera' alla pulizia". Tutto contento si pulisce, infila il dito e

dietro al muro un cinese con in una mano un  mattone e nell'altra un

altro mattone glielo schiaccia violentemente. E l'uomo:

"AAAAHHHHIIIIIAAAAAAAAA" (e mimare il gesto di mettersi il dito in

bocca: slurp, slurp, slurp).

48. Avete sentito l'ultima? No? E' perche' l'ho fatta piano...

49. Si narra che la formula della relativita' fosse scoperta da

Einstein davanti ad una tazza di cioccolata calda. Infatti E=mc2 sta

ad indicare: energia=milk * cacao al quadrato. Secondo altri la stessa

formula sta ad indicare l'esito di molti esami: memoria * culo al

quadrato!

50. Prodi va a Londra in visita ufficiale e la regina lo scarrozza un

po' per le vie della citta' con il cocchio reale (scoperto) trainato

dalla regolamentare quadriglia di cavalli bianchi. Improvvisamente uno

di questi emette una scoreggia torrenziale. La regina, leggermente

imbarazzata dice "Sorry", al che il nostro, con sorriso conciliante e

pacioso: "Ma di niente, si figuri, credevo che fosse stato il

cavallo!"

51. La F.A.O. ha indetto un concorso mondiale con 100 milioni di

premio per il miglior bozzetto che dia un'idea sul problema della fame

nel mondo. Tra decine di pittori e bozzettisti di fama mondiale il

premio e' stato assegnato con enorme sorpresa a Ciro Esposito, oscuro

disegnatore di Napoli. Tutte le televisioni hanno partecipato alla

presentazione del bozzetto vincitore: un buco di culo con una

ragnatela!

52. Una ragazza molto carina ha pero' un piccolo difetto. Ha l'alito

talmente puzzolente che quando si parla allo specchio, la propria

immagine le gira le spalle, e per questo motivo si crea un sacco di

problemi. Un sabato sera delle amiche la invitano ad andare in

discoteca e con insistenza riescono a portarcela. Mentre tutte le sue

amiche sono invitate a ballare lei se ne sta in un angolino da sola,

finche' un bel ragazzo invita pure lei. In un primo momento fa cenno

di no, ma poi visto che il ragazzo e' bello e insiste accetta. Dopo un

po' che ballano il ragazzo le chiede: "Ma ti sto antipatico ? Sono

almeno dieci minuti che balliamo e non hai pronunciato una parola,

dimmelo se preferisci stare da sola". Lei vedendo andare a monte anche

questa possibilita' ed essendo veramente attratta dalla bella figura

del ragazzo riesce in qualche modo a dirgli: "NO! BALLIAMO ANCORA". A

questo punto il ragazzo stupito la guarda e gli dice: "HAI

SCOREGGIATO?". E lei prontamente: "NO, TE LO GIURO". E lui: "ADESSO

SI' PERO' !"

53. Un uomo e' alla ricerca di una buona casa di cura per il padre

oramai anziano e non piu' autosufficiente. Arriva alla casa di cura

'Villa Speranza', fa sedere il padre nell'ampia e confortevole sala

d'aspetto e va alla ricerca degli amministratori per avere notizie

piu' dettagliate. Il vecchio padre dopo un po' comincia ad inclinarsi

lentamente verso sinistra. Un medico che passa di li' gli dice

amorevolmente: "Mi permetta di aiutarla" e cosi' dicendo lo raddrizza

accatastando parecchi cuscini dalla parte di sinistra dell'uomo in

modo da farlo stare dritto. Dopo un po' il vecchietto comincia ad

inclinarsi lentamente verso destra. Un altro medico che passa di li'

gli mette degli altri cuscini a destra per mantenerlo dritto. Dopo un

po' il vecchietto comincia a inclinarsi in avanti; un'infermiera lo

vede e accorre in suo aiuto accatastando parecchi cuscini sul davanti.

Dopo un po' ritorna il figlio che dice: "Caro papa', mi dispiace, ma

questo non e' il posto giusto per te". E il vecchietto: "Sono

d'accordo; qui non mi lasciano scoreggiare!".

54. Il massimo della sfiga? Un monco appeso ad una rupe col prurito al

culo!

55. In un meeting di ortopedici tre dottori chiacchierano al di fuori

della hall. Ad un certo punto dalle scale scende un tipo che cammina

zoppo e con le gambe divaricate. I tre dottori ne cominciano subito a

fare una diagnosi. Il primo dice "Per me ha avuto una frattura al

femore destro"; il secondo dice: "Per me ha avuto una frattura di

entrambi i femori"; il terzo dice: "Per me ha avuto la rottura di

almeno un menisco del ginocchio". Dopo varie discussioni i tre

decidono di chiedere la conferma allo sfortunato signore: "Ci scusi

buon uomo, ma io e i miei colleghi stiamo discutendo sulla sua

malattia, ci puo' dire qual e' la sua malattia?". E il tipo dice: "Ah

dottori ci siamo sbagliati in 4; anch'io credevo che fosse solo una

scoreggia, invece...".